Col Generale Marco Bertolini siamo (soldati) militarmente scorretti

0

Ha coperto ruoli apicali nelle più importanti missioni internazionali (Libano, Somalia, Bosnia Erzegovina, Macedonia e Afghanistan): Grande Ufficiale del Merito della Repubblica e dell’Ordine Militare d’Italia, Croce al Valor Militare e al Merito dell’Esercito, è stato comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze e della Brigata Folgore. Lui è il Generale Marco Bertolini e la sua biografia sembra un romanzo d’avventura e di filosofia. Ecco perché la formula narrativa del libro-intervista Militarmente scorretto. Sovranità, libertà, dignità. Riflessioni di un (soldato) italiano (Eclettica, 2020, 163 pagine, 16 euro) adottata dal giornalista Andrea Pannocchia risulta efficacissima: ci fa entrare nel pensiero dell’intervistato attraverso una weltanschauung che va dalla geopolitica all’etica alla politica. Il Generale Marco Bertolini non teme di andare controcorrente, nemmeno verso gli stessi campioni del politicamente scorretto come The Donald (citofonare Suleimani).

Il Generale Marco Bertolini non teme di andare controcorrente, nemmeno verso gli stessi campioni del politicamente scorretto %

Esempi? Le Forze Armate e la famiglia sono elementi costitutivi della società, la religione cattolica è il principale appiglio della nostra identità, che va difesa insieme alla nostra cultura, tesi “militarmente” scorrettissime che si accompagnano a riflessioni di politica estera italiana (il rapporto con i nostri “vicini di casa”, cioè il mondo arabo, cioè la Libia). Chiude il libro un’appendice fotografica. Da leggere.

Articolo precedenteAlessia Rodari, pittura al di là del concreto e dell’astratto
Articolo successivo“Quando vidi Vauro e Vincino imbarazzati in redazione…”
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Giornalista pubblicista. Laurea in Filosofia. Coordinatore di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale e presso CulturaIdentità (RG Produzioni, Milano). Scrivo di macchine e moto su Drive'n'Ride. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Nel 2016/17 sono stato coordinatore del gruppo Cultura del movimento politico di Stefano Parisi Energie PER l'Italia, candidato sindaco di Milano alle elezioni 2016. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e di cui una copia è conservata al Centre Pompidou di Parigi. Attualmente sono conservatore della Biblioteca della casa-museo Fondazione Giancarlo Sangregorio di Sesto Calende (Varese). Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/