Jimmy Sax, il sorriso in musica

0

Autore del brano certificato Oro per l’Italia (No man no cry) il sassofonista Jimmy Sax è pronto a stupire con il nuovo album in uscita Smile, anticipato dall’omonimo singolo già in rotazione radiofonica. Schietto, asciutto, già estremamente impegnato, non si è sottratto a qualche domanda posta per conoscerlo meglio. Un talento in costante crescita, Jimmy Sax nel 2022 sarà in tour nei teatri italiani insieme alla The Synphonic Dance Orchestra diretta dal Maestro Vincenzo Sorrentino. Milano, Torino, Bologna e Roma, queste alcune delle tappe già confermate nelle quali il sassofonista si prodigherà con un repertorio inedito.

Nonostante il lutto che ha colpito l’artista proprio all’inizio della pandemia, Jimmy è riuscito a far nascere Smile dall’esigenza di contatto fisico e visivo. Un monito in musica: non perdere mai la consapevolezza del potere di un sorriso.

Quando capito che il tuo strumento – totem sarebbe stato il sax?

L’ho capito quando avevo 10 anni

Il singolo ‘Smile’ anticipa il nuovo album. Perché hai scelto questo brano e come hai lavorato all’intero album?

Con il mio staff, abbiamo scelto questa canzone perché volevamo iniziare il progetto con energia positiva. Il processo creativo è stato un lungo viaggio, da solo ho composto alcuni brani tre o quattro anni fa e altri più recentemente a Napoli, con l’aiuto dei produttori (Dat Boy Dee, Paci Ciotola, Carlo Ciao)

Giri il mondo con la tua musica, quali sono stati i momenti più importanti, le tappe che hanno segnato il tuo percorso?

Ci sono molti momenti salienti della mia carriera, è successo tutto passo dopo passo. Uno passo importante è stato quello di unirmi ai Superfunk per un tour negli Stati Uniti (circa 10 anni fa), poi la mia collaborazione con l’accordo globale di Nikki Beach e, ultimo ma non meno importante, la composizione di “No man no cry”.

Nel 2022 sarai in tour. Come pensi reagirà la gente con la presenza nei teatri in questo momento nel quale ancora siamo alle prese con il covid?

Onestamente sono un po’ preoccupato per il post pandemia. Non voglio essere negativo ma le persone sono state sotto pressione per durante questa incredibile esperienza. Dobbiamo rimanere forti e dobbiamo credere in giorni migliori. Per quel che mi riguarda, di sicuro darò il massimo e, insieme all’orchestra, offriremo uno spettacolo fantastico! Non vedo l’ora di condividere il mio album e iniziare questo tour!

Hai una immagine particolare, interessante. Pensi sia importante per il tuo lavoro?

Naturalmente! L’immagine è importante, i social oggi sono ovunque. Alcuni artisti possono esistere grazie a media come Youtube, Instragram ecc senza aspettare che la tv o l’etichetta musicale li aiuti. Quindi dobbiamo controllare anche la nostra immagine e ad essere onesti questo non è qualcosa che faccio perché devo, questo è qualcosa che faccio perché mi piace!

Articolo precedente“Tutta un’altra storia” chiude i battenti!
Articolo successivoLombroso, dal crimine agli spiriti
La passione per l’Arte e la Comunicazione l’ha orientata inizialmente verso il Giornalismo, diventando critico teatrale, cinematografico e musicale. Successivamente ha ampliato la sua specializzazione nel linguaggio teatrale sotto la guida del Maestro Antonio Nobili come allieva ed assistente alla regia. Ha affrontato il palco in veste sia di attrice negli spettacoli ‘Il Canto di Danae’ (Regia di Serena De Simone), ‘Hamlet’, 'Casa di Bernarda Alba', ‘Nozze di Sangue’, 'Donna Rosita Nubile', 'La Calzolaia Prodigiosa', ‘Rocky Horror Picture Show’, ‘De Profundis’ (Regie di Antonio Nobili), ‘Personnages...in cerca d’autore (Regia di Cathy Marchand), ‘Piombo e Cocaina’ (Regia di Pietro De Silva), ‘Back At Freak Show’ (Regia di Tommaso Bernabeo), ‘Tutti al Macello’ (Regia di Antonio Cervigni), che regista di prosa, di musical (Lovecraft’s Tales, Ecabe, I Giganti della Montagna, Footloose, Musicology, RomeoFeatJuliet, Le Baccanti, Sogno di una notte di mezza estate, Musicology, Club 2.7, War e Mademoiselle C.) ed opera lirica (Il Flauto Magico e Bohème nel 2012, Attila, La Traviata e Don Giovanni nel 2013, Nozze di Figaro nel 2014). Dal 2010 è Vice Presidente e docente dell’Accademia di Recitazione ‘TeatroSenzaTempo’ di Roma. Attualmente è anche Caporedattore di Roma e del Centro Italia per la testata ‘Teatro.it’.