Nel Presepe Blu dipinto di blu di Guido Strazza

0

Viene dalla Galleria Nazionale d‘Arte Moderna e Contemporanea un messaggio di speranza per un 2021 migliore. Nel giorno dell’Immacolata, la Galleria accende infatti Il Presepe blu notte dell’artista grossetano Guido Strazza. Curatore dell’evento Giuseppe Appella.

La presenza del presepe, documentata da un evento online, è accompagnata da musica e riflessioni dell’artista, che precederanno il momento significativo della sua illuminazione, un‘iniziativa nata e realizzata con l’Apt – Agenzia di Promozione Territoriale della Regione Basilicata e con la collaborazione del Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller” di Castronuovo Sant’Andrea (Potenza).

“La Galleria Nazionale e la Regione Basilicata lanciano questo messaggio di speranza per introdurre, in giorni così terribili per tutti, al tempo dell’avvento e dell’attesa del Dio fatto uomo, il messaggio universale del presepio di Francesco, il santo della pace e della carità”, dice Appella. “Nel Presepe Blu notte di Guido Strazza, sorto su un grande cielo suddiviso in cinque parti dove la stella cometa trova la sua luce accogliendola e diramandola fuori dal recinto di vetro, non ci sono figure ma forme geometriche, orme che hanno un loro punto di arrivo ma non rivelano il loro luogo di provenienza. Ne deriva una sorta di stupore metafisico, l’affermazione, costante dalla seconda metà degli anni cinquanta, di una logica rappresentativa divisa tra l’esprimibile e l’inesprimibile, in questo caso tra la storia, i suoi personaggi secondari, e la luce che annuncia una nascita trasmessa da un’altra luce, sottostante, tanto intensa da indurre al movimento, a portare il dono dell’andare, accogliendo la speranza di stare insieme. I Magi si muovono come pedine verso la luce, in perfetta consonanza con il colore e gli stati d’animo che l’una e l’altro sollecitano, tanto quanto le relazioni esistenti tra i personaggi-oggetto e l’enigma di quella Luce che blocca la notte e cancella il buio per spingerci a porre i nostri passi, in simbiosi, su quelli già resi stigma. L’immagine è sempre un elemento formale, anche quando si fa racconto attraverso linee di luce rese elementi vivificanti della notte. La luce, divenuta centro di una iconografia che si ripete da secoli, non è esterna al colore. Viene espressa “visivamente”, illumina “qualcosa di cui si è perduta memoria” o viene ripetuta senza avvertire il costante richiamo di una nascita che, ogni anno, d’improvviso, si rinnova come presenza“, conclude Appella.

L’inaugurazione prevede, in controcanto, l’esecuzione di un’opera composta per Matera Capitale europea della Cultura 2019 dal maestro Georg F. Haas, uno dei principali compositori contemporanei, commissionata dal L.A.M.S. Matera e dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019. Si tratta del quartetto d’archi, uno dei sei “quadri” della suite Musiche per Matera a cui lo scorso anno è stato assegnato il Premio Abbiati, e che il Giornale della Musica ha inserito tra i migliori dieci concerti di musica sinfonica del 2019.

Arte contemporanea, musica e tradizioni lucane saranno, dunque, al centro dell’iniziativa di promozione della Basilicata che l’Apt organizza con la Galleria Nazionale, in collaborazione con il Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller” e con il Patrocinio dell’Accademia Nazionale di San Luca e dell’Accademia dei Virtuosi al Pantheon.

Spiega il direttore generale dell’Agenzia di Promozione Territoriale, Antonio Nicoletti: “L’iniziativa dell’Apt si basa su alcuni fondamenti dell’offerta turistica lucana, a partire dal Natale come festa della nostra antica tradizione di accoglienza, che il presepe riassume simbolicamente nei suoi valori. Non è casuale, dunque, la presenza in Basilicata del Museo Internazionale del Presepio “Vanni Scheiwiller” che accoglie 250 presepi di tutto il mondo, dal XVII al XXI secolo, e tra questi trenta presepi realizzati da noti artisti contemporanei”.

Il Presepe Blu notte è accompagnato da un volumetto delle Edizioni della Cometa con una nota introduttiva di Giuseppe Appella, una Preghiera a Gesù Bambino di Guido Strazza, che verrà letta dall’attore Blas Roca Rey, e notizie biobibliografiche sull’autore.