Con Emanuele Ricucci in viaggio dall’uomo-folla all’uomo-sovrano

0

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’: DIVENTA MECENATE!

L'”uomo della folla” di cui ci parla Emanuele Ricucci nel suo ultimo libro (Contro la folla. Il tempo degli uomini sovrani, Passaggio al bosco, 2020, 240 pagine, introduzione di Vittorio Sgarbi) è l’esatto opposto del suo “omonimo” nel celebre racconto di Edgar Allan Poe, L’uomo della folla: è un conformista, non vede nulla, è connesso con tutti ma, schiavo della faciloneria eterea del web, non sa chi sia l’altro da sè. Questo è l’uomo di oggi, sia prima che durante l’era coronavirus. “Cambierà tutto” dopo il flagello?

Con Emanuele Ricucci in viaggio dall’uomo-folla all’uomo-sovrano

Di suo, Emanuele Ricucci, in questo pamphlet fresco fresco di stampa, auspica il superamento dell’attuale uomo “preistorico” e la nascita di un uomo nuovo autenticamente umano, «sovrano di se stesso»: l’uomo a molte dimensioni, ma senza strizzare l’occhiolino a Marcuse, anzi. L’uomo-sovrano del tempo che verrà, se verrà, avrà sviluppato gli anticorpi per fronteggiare l’uomo-folla e vedrà nella cura del proprio rapporto «con l’arte e con la morte, col coraggio e con Dio» le linee guida di un tempo nuovo scandito dai princìpi di un movimento culturale che si sarà scrollato di dosso la polvere dell’uomo globale delle sinistre chic. Seguiamo Ricucci in questo viaggio lungo gli insegnamenti di Ortega y Gasset, Gustave Le Bon, Marcello Veneziani e altri pensatori di ieri e di oggi, che dalla “preistoria” ci faranno entrare nella storia di un’umanità nuova e sovran(ist)a.

Articolo precedenteMaria Grazia Giovanna Dell’Aere, arte di luce e d’ombra
Articolo successivoEmozioni e rinascita con le sculture in bronzo di Italo Duranti
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Giornalista pubblicista. Laurea in Filosofia. Coordinatore di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale e presso CulturaIdentità (RG Produzioni, Milano). Scrivo di macchine e moto su Drive'n'Ride. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Nel 2016/17 sono stato coordinatore del gruppo Cultura del movimento politico di Stefano Parisi Energie PER l'Italia, candidato sindaco di Milano alle elezioni 2016. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e di cui una copia è conservata al Centre Pompidou di Parigi. Attualmente sono conservatore della Biblioteca della casa-museo Fondazione Giancarlo Sangregorio di Sesto Calende (Varese). Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/