Quirino De Ieso, china in sovrapposizione ultraterrena

0
Quirino De Ieso, china in sovrapposizione ultraterrena
Quirino De Ieso, Ragazze tra sogno e realtà, 2017

E’ l’ultimo esponente del simbolismo liberty del 900. Esordisce nel ‘57 alla mostra internazionale di Arti figurative alla Triennale di Milano e da lì la sua produzione  viene esposta in numerose mostre internazionali, mentre l’opera “Giovani Amanti” (1977) finisce nella collezione privata della Regina Elisabetta II d’Inghilterra -senza contare le collezioni private sebbene men blasonate. Lui è il maestro Quirino De Ieso (S. Giorgio La Molara,1926 – Noto, 2006), autore di soggetti pittorici a cavallo tra astratto e figurativo per un genere laicamente devoto all’erotismo e al sacro. Alla fine degli anni Sessanta, in piena popolarità e fama internazionale, De Ieso usa una tecnica personale attraverso un pennino intinto nell’inchiostro definita “china in sovrapposizione”, dove protagonista è la linea, che tesse un ordito simbolico di creature umane e ultraterrene sospese tra sogno e realtà, in un’armonia di opposti fra il bianco e il nero che sembra il portale di accesso dalla dimensione terrena e quella spirituale. Perché in De Ieso, come afferma il critico Paolo Levi, “è la voce contrastata della bicromia ad annunciare la natura cosmica e sacrale […] di quel momento primario quando la luce si separa dal buio”.

Articolo precedenteCome “Demitizzare la modernità” secondo Giovanni Sessa
Articolo successivoGreg Rega, funky blues in salsa partenopea
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Giornalista pubblicista. Laurea in Filosofia. Coordinatore di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale e presso CulturaIdentità (RG Produzioni, Milano). Scrivo di macchine e moto su Drive'n'Ride. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Nel 2016/17 sono stato coordinatore del gruppo Cultura del movimento politico di Stefano Parisi Energie PER l'Italia, candidato sindaco di Milano alle elezioni 2016. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e di cui una copia è conservata al Centre Pompidou di Parigi. Attualmente sono conservatore della Biblioteca della casa-museo Fondazione Giancarlo Sangregorio di Sesto Calende (Varese). Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/