Basta con l’Arte Povera de noartri! Torniamo all’ordine (della pittura)

0

Una volta vedere dei dipinti a una fiera d’arte non sarebbe stato incredibile; magari avrebbe fatto scalpore un “Salon des Refusés” controcorrente di pittori impressionisti, ma vedere quadri è da sempre il minimo delle aspettative parlando d’arte. A Milano è in corso GrandArt, prima e unica fiera dedicata alla pittura e alla figurazione e questo sì che è incredibile, visto che l’arte “4.0” (valore numerico a crescita esponenziale in base al meridiano di Silicon Valley) consta di installazioni e cinema vari. C’è in realtà bisogno di un rinnovato “ritorno all’ordine” e le premesse per una nuova onda tributaria della tradizione e della figurazione stanno proprio nella giovane pittura italiana: Sergio Padovani è in mostra al Museo di Imola con una serie di opere sull’iconografia dei santi che riportano l’aura medievale e umanistico-rinascimentale in una dimensione contemporanea, mentre Giovanni Gasparro ha appena realizzato una pala d’altare per la chiesa di San Francesco a Trani con una pittura che viene dal 600. Lui è pittore “religioso” e l’altro no, ma entrambi stanno ricreando quella scena pittorica fedele alla tradizione e alla figurazione che da sempre ci appartiene e che il sistema mainstream dell’Arte Povera ricicciata e delle varie Artissima e MiArt e Biennali ha relegato nell’ombra. Ma ancora per poco.

LEGGI ANCHE: A Milano una nuova fiera d’arte omaggia la tradizione italiana

Articolo precedenteLa felicità è l’unica risorsa di cui avrai mai bisogno
Articolo successivoEcco la Kinesomatica, nuova disciplina per usare il corpo correttamente
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Giornalista pubblicista. Laurea in Filosofia. Coordinatore di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale e presso CulturaIdentità (RG Produzioni, Milano). Scrivo di macchine e moto su Drive'n'Ride. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Nel 2016/17 sono stato coordinatore del gruppo Cultura del movimento politico di Stefano Parisi Energie PER l'Italia, candidato sindaco di Milano alle elezioni 2016. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e di cui una copia è conservata al Centre Pompidou di Parigi. Attualmente sono conservatore della Biblioteca della casa-museo Fondazione Giancarlo Sangregorio di Sesto Calende (Varese). Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/