“The Blue Banana”: Pietrasanta pop con Giuseppe Veneziano

0
The Blue Banana Giuseppe Veneziano a Pietrasanta - fonte Giuseppe Veneziano Facebook (

Pietrasanta è ormai diventata the place to be per il mondo artistico (milanese), che ogni estate si riversa in Versilia per le vacanze artistico/cultural/mondane e soprattutto commerciali per gli operatori di settore.

Chi in questa seconda estate funestata (o scocciata?) dal flagello cinese versione indiana ha sgomitato lungo la main street di Pietrasanta non avrà potuto non notare il bananone gigante di Giuseppe Veneziano, cioè l’installazione in Piazza Duomo intitolata The Blue Banana, una grande banana di colore blue (blue Klein?) che oltre a fare il verso alla banalità della banana di Cattelan di cui vi abbiamo parlato qui, richiama la celeberrima icona di Andy Warhol sulla copertina dell’album di Velvet Underground & Nico.

The Blue Banana si rivolge soprattutto a quell’ideale spazio geografico/strategico lungo la direttiva Londra-Parigi-Bruxelles-Francoforte-Milano-Torino dove accadono le cose che nel mondo dell’arte contemporanea hanno da accadere, più o meno al centro dell’impero UE (da qui il colore blu di The Blue Banana, cioè il fondo della bandiera UE su cui campeggiano le stelle degli Stati membri).

La mostra di Veneziano, a cura di Andrea Del Guercio e che si può visitare fino al 13 settembre, si snoda lungo un percorso cittadino che coinvolge il pubblico attraverso una serie di opere di grandi dimensioni realizzate nei laboratori artigiani e nelle fonderie di Pietrasanta con materiali che vanno dalla resina al marmo e che rappresentano temi e soggetti tipici della pittura di Veneziano, come Spider Man e Biancaneve assassina, Dante Alighieri alle prese con un Mac, Dolce e Gabbana, Charlie Chaplin con Venere, il David di Michelangelo e Papa Francesco in skateboard, tutte sculture “satellitari” rispetto all’opera principale che dà il titolo alla mostra, che si completa poi da Futura Art Gallery, dove si possono vedere, appunto, le opere su tela di Giuseppe Veneziano.

Articolo precedente“Predator”, la mostra di Caterina Notte a Lecco
Articolo successivo“Il Sistema” va in scena a Roma e a Milano
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Giornalista pubblicista. Laurea in Filosofia. Coordinatore di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale e presso CulturaIdentità (RG Produzioni, Milano). Scrivo di macchine e moto su Drive'n'Ride. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Nel 2016/17 sono stato coordinatore del gruppo Cultura del movimento politico di Stefano Parisi Energie PER l'Italia, candidato sindaco di Milano alle elezioni 2016. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e di cui una copia è conservata al Centre Pompidou di Parigi. Attualmente sono conservatore della Biblioteca della casa-museo Fondazione Giancarlo Sangregorio di Sesto Calende (Varese). Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/