Immergiamoci nella “viewing room” del pittore Antonio Sannino

0

Il coronavirus ha inciso anche su quel settore della cultura dove l’offerta del prodotto non può prescindere dal contatto fisico, non solo con l’autore ma anche e soprattutto con la sua opera. Le gallerie d’arte dovranno d’ora in poi fare di necessità virtù e una di queste, l’italiana Liquid Art System di Franco Senesi, ha ovviato al problema con la viewing room, ovvero la mostra di uno o più artisti attraverso foto, video e approfondimenti curatoriali, tutti rigorosamente on line e fatti in maniera immersiva, per consentire al collezionista di accedere alla “stanza” in modo quasi fisico interagendo con le opere esposte e avendo sott’occhio i prezzi (strategia fortemente voluta dal gallerista per far cadere quell’aura fintamente sacrale dell’arte contemporanea che fino a questo momento ha allontanato i più). La prima viewing room è del pittore Antonio Sannino: Through the red, con testo del curatore Angelo Crespi. L’opera denota una pittura figurativa levigata su alluminio, dal cromatismo pittorico a metà fra il pop e l’informale e caratterizzata da un contraltare percettivo superficie-profondità: un “no-landscape”, una finzione scenica in cui le betulle in primo piano, nascondendolo, mostrano il bosco alle spalle, secondo quel rapporto dialettico superficie-profondità tematizzato da Angelo Crespi a partire dal filosofo Ortega Y Gasset.

Through the red from Liquid art system on Vimeo.

Articolo precedenteDiego Fusaro: “Macché Bella ciao, oggi cantate la Canzone del Piave”
Articolo successivoMy Right Of Frost, suoni radicali per tutti e per nessuno
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Giornalista pubblicista. Laurea in Filosofia. Coordinatore di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale e presso CulturaIdentità (RG Produzioni, Milano). Scrivo di macchine e moto su Drive'n'Ride. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Nel 2016/17 sono stato coordinatore del gruppo Cultura del movimento politico di Stefano Parisi Energie PER l'Italia, candidato sindaco di Milano alle elezioni 2016. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e di cui una copia è conservata al Centre Pompidou di Parigi. Attualmente sono conservatore della Biblioteca della casa-museo Fondazione Giancarlo Sangregorio di Sesto Calende (Varese). Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/