Ma che belli questi volti di Floreancig “maledetti e felici”!

0

Può capitare che davanti a un quadro non sia tu a guardare “lui”, ma il contrario: un sovvertimento percettivo che si rinnova specialmente nelle mostre di Giordano Floreancig, con i suoi ritratti ipermaterici e dalle cromie esagerate che sembrano bloccarti con la certezza che continueranno a guardarti anche dopo.

Ne avrete una prova giovedì 21 novembre in occasione della sua personale alla 7ettanta6ei Art Gallery di Milano di Alessandro Erra: “Maledetta felicità”, questo il titolo della mostra che segue a “Siamo qui per bellezza”.

E a parlare son sempre loro, i ritratti di Giordano Floreancig. La felicità è una condition humaine (cit. André Malraux) talvolta disperatamente e gaiamente senza senso, positiva ma anche ridondante fino a sfociare nell’euforia, come quando fai una vincita esagerata all’Enalotto.

La felicità è “trasformista” e i volti di Floreancig nella loro caleidoscopica cangianza la rappresentano nel suo esistenziale non-sense: sono ironici, angoscianti, eroici e felici. 

E’ la struttura due occhi-un-naso-una-bocca, l’isomorfismo universale umano meglio del resto del corpo ti fa subito capire nelle sue variegate de-formazioni e trans-formazioni la…sostenibile pesantezza dell’essere.

Articolo precedenteCon Temporin nel Castello dei mondi possibili
Articolo successivoAl Manzoni un Anfitrione arrembante “populista”
Nato a Milano, vivo e lavoro a Milano. Giornalista pubblicista. Laurea in Filosofia. Coordinatore di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale e presso CulturaIdentità (RG Produzioni, Milano). Scrivo di macchine e moto su Drive'n'Ride. Ho curato cento mostre di arte contemporanea in Italia, in collaborazione con svariate gallerie d'arte; i relativi testi critici sono tutti pubblicati a catalogo e online. Ho scritto una monografia pubblicata da Skira. Nel 2016/17 sono stato coordinatore del gruppo Cultura del movimento politico di Stefano Parisi Energie PER l'Italia, candidato sindaco di Milano alle elezioni 2016. Ho prodotto un magazine cartaceo d’arte contemporanea a colori su carta patinata, presentato a diverse fiere internazionali d’arte contemporanea e di cui una copia è conservata al Centre Pompidou di Parigi. Attualmente sono conservatore della Biblioteca della casa-museo Fondazione Giancarlo Sangregorio di Sesto Calende (Varese). Profilo completo qui: https://www.linkedin.com/in/emanuele-beluffi/