“Shugaley”, dove deserto e mare si inseguono in guerra

0

Siamo tutti abituati a film e documentari di stampo hollywoodiano con attori e storie con una impronta ben delineata del bene e del male. Spesso i film che nei cinema siamo portati a vedere sono storie, in parte vere, con connotazioni decisamente e spiccatamente di parte: film che spiegano fatti storici o avvenimenti di attualità con motivi politici evidenti. Ecco perché non dobbiamo avere pregiudizi per il nuovo docu-film di Denis Neimand dal titolo Shugaley, di provenienza russa e disponibile su YouTube in lingua inglese.

Il film, con una fotografia dove deserto e mare si inseguono, racconta di una guerra ancora in atto, di cui tutti noi sentiamo parlare e spesso parliamo: una guerra che dal 2011, anno in cui venne messo fine al potere di Muammar Gheddafi, ha creato sofferenza e disperazione alla popolazione della Libia. Un guerra civile dove la crudeltà è parte costante della vita di soldati e civili.

La trama si rifa a una storia vera che si sta svolgendo anche oggi: il sociologo russo Maxim Shugaley con il  traduttore Samer Sweifan, vengono arrestati dalla milizia salafita Rada, alleata del Ministro dell’Interno del Governo di Accordo Nazionale. I due sono tuttora prigionieri presso l’aeroporto di Mitiga a Tripoli.

Nel film troviamo aspetti molto interessanti, come la presenza di Saif al-Islam, il figlio di Gheddafi che aveva un ruolo importante nella politica del Paese sino al 2011: nel lungometraggio rappresenta un elemento importante della storia, pronto a tornare prepotentemente sulla scena politica del suo paese. Ufficialmente nessuno sa quale sia stata la sorte di Saif al-Islam, ma i russi ci indicano delle interessanti possibilità su cosa stia facendo e tramando.

Quanto viene fatto emergere dai protagonisti della storia è che l’autorità riconosciuta a livello internazionale (Governo di Accordo Nazionale), con l’accordo di Skhirat, ha contro la maggioranza della popolazione della Libia. Molti hanno ancora una grande ammirazione per il Colonnello Gheddafi ed è proprio questo il motivo per cui Saif al-Islam viene presentato come possibile futuro condottiero: l’analisi sociale di una popolazione ancora legata a Gheddafi raccontata dal sociologo russo Maxim Shugaley è il motivo del suo arresto, assieme al suo traduttore.

Il film russo è molto interessante in quanto vengono segnalati nomi e cognomi, manovratori delle strategie politiche e delle spie attive a Tripoli come in tutta la Libia, vengono citati al Sarraj come i diversi uomini di potere, il ruolo dei Fratelli Musulmani come quello dei diversi capi miliziani.

Ancora più avvincente è lo scontro tra russi e turchi: i primi sono impegnati a raccogliere informazioni e ad elaborare azioni per portare in salvo i loro connazionali, gli altri a evitare che i russi riescano nel proprio intento. Il tutto mentre il generale Khalifa Haftar mantiene rapporti strettissimi con Mosca per combattere al Sarraj.

Shugaley è un film avvincente, dove spionaggio, giallo, guerra e diplomazia si intrecciano in una trama che si rincorre nei quotidiani di tutto il mondo: da guardare con interesse duplice, per la storia e soprattutto per i risvolti politici presentati.

ABBONATI A CULTURAIDENTITA’: DIVENTA MECENATE!

Articolo precedenteIl coronavirus cambia il tempo ma anche lo spazio
Articolo successivo“The Lockdown people”, la quarantena d’autore di Luisa Carcavale
Ha contribuito allo sviluppo di un dibattito scientifico e letterario sul neodarwinismo e la pornografia sviluppando diversi concetti antimodernisti e a favore dell’ideologia comunitarista basato sull’idea di un ritorno ad una vita sociale di tipo organicista in opposizione al modello dominante dell’individualismo, contribuisce a sviluppare un nuovo paradigma di vita comunitaria grazie alla decrescita felice, all’economia dell’autoconsumo partendo dal pensiero aristotelico in cui la famiglia è il centro della comunità. Si oppone fortemente al consumismo e al modello capitalista di tipo anglosassone. Convinto che presto vi sarà un ritorno al valore della famiglia naturale e alla vita comunitaria a causa della fine del ciclo economico denominato post-industriale. Sia la visione antidarwinista come quella sulla pornografia sono interpretazione per cui l’uomo viene condotto a una vita di tipo individualistica ed egoistica assolutamente da rigettare.