Andrea Chiarucci Viaggio in India, tra l’individuo e il sacro

1
216

di Sarah Palermo – Officine International

Quando il desiderio di viaggiare è molto forte, ed ancora più incredibile è l’ambizione di fotografare e regalare a sé stessi e agli altri un’immagine che racconti la realtà della nostra esperienza, Andrea Chiarucci, figlio d’arte ed ex studente dell’Istituto Superiore di Fotografia di Roma, con i suoi reportage in giro per il mondo ce ne offre una vera e propria dimostrazione.
I suoi scatti raccontano e senza indugio rappresentano il mondo del Credere indiano, che da anni desidera conoscere e testimoniare con i suoi scatti.
La fotografia è per Andrea Chiarucci una splendida compagna di vita, non si definisce un serio intellettuale del campo, ma con lo strumento riesce davvero ad impremere nella mente e negli occhi di chi osserva “il suo mondo” quell’immagine pura, semplice seppur ricca di conoscenza e studio della materia fotografica.
Paesaggi intimi, sguardi, persone e momenti non rubati, ma piuttosto condivisi quelli di Andrea Chiarucci che con il suo obiettivo sembra proprio entrare nel cuore e nell’anima di alcuni dei protagonisti dei suoi scatti. Ci coinvolge e ci sorprende per la sensibilità dimostrata che è una costante nella sua ricerca fotografica che applica da anni e in diversi territori del mondo dove elemento ricorrente è l’intensità degli sguardi e dei colori di queste terre così lontane, ma che attraverso la sua immagine ci appaiono così vicine che sembrano accoglierci.
Racconta Chiarucci che i suoi viaggi di ricerca in Oriente provengono da un forte richiamo al suo interesse per le idee e le credenze religiose appartenenti alla cultura vedica. Ama viaggiare nella maniera del tipico esploratore, accontentandosi di un abbigliamento spartano, dove lo stretto necessario si circoscrive in uno zaino, dei testi essenziali alla conoscenza e ad una sola ricchezza: la sua Leica M che utilizza con diligenza da anni durante i suoi soggiorni di ricerca e di relazione tra l’individuo e il sacro, documentando le realtà arcaiche ed ancestrali racchiuse tra gli sterminati passi himalayani e le coloratissime grandi metropoli indiane.
Andrea Chiarucci lavora attualmente sulla tematica dei lottatori di wresting nei Paesi dell’Est, progetto che porta avanti da tempo.

1 commento

Comments are closed.